fbpx

La ristorazione e i social media media. Basta pasticciare!

10 consigli da mettere in pratica subito per non combinare pasticci.

Nella mia guida gratuita ti ho spiegato la differenza tra stare sui social media e vivere i social media. Compresa questa differenza, sei pronto per iniziare con il piede giusto. Con la tua attività da ristoratore sei pronto a tuffarti nel mondo dei social media?

Inizio con il dirti che per i ristoranti non è per nulla semplice comunicare sui social media la propria attività, spesso si finisce con il pubblicare una carrellata di piatti ibridi che non comunicano altro che una versione più dinamica del classico menù su carta.

la ristorazione e i social media

Se anche tu fino adesso hai utilizzato i social media soltanto per pubblicare le foto dei piatti che proponi, non stai lavorando affatto bene! La parola chiave per comunicare in modo efficiente sui social media un’attività come quella della ristorazione è ESPERIENZA! Quindi rimboccati le maniche e inizia a rivoluzionare il tuo approccio. Perché ti dico questo?

La ristorazione e i social media.

Oggi i clienti prima di entrare in un ristorante, leggono morte e passione su ciò che si dice a proposito di piatti, location, prezzi, staff e accoglienza. Si documentano sui principali portali di recensioni, cercano il ristorante per la cena romantica o il pranzo con le amiche proprio sui social media e vengono influenzati dalle inserzioni pubblicitarie studiate ad hoc. Gli utenti, i tuoi potenziali clienti cercano l’esperienza da vivere e non un servizio da consumare e basta; in altre parole: le persone desiderano vivere momenti felici e anche un pranzo o una cena può esserlo.

Cosa fare quindi? Comunicare i tuoi valori sui social media per incuriosire l’utente e invogliarlo a provare un’esperienza di gusto presso il tuo ristorante!

10 CONSIGLI DA METTERE IN PRATICA SUBITO.

1 Non vendere i tuoi piatti, piuttosto raccontali.

Proponi piatti semplicissimi? Raccontali in modo unico e originale, anche una classica pasta al pomodoro può trasformarsi in un cult.

Dunque se fino adesso hai pubblicato piatti fumanti serviti in tavola descrivendo la lista degli ingredienti, ti dico subito che non è abbastanza. Piuttosto racconta come prepari il piatto e perché hai scelto quegli ingredienti.

2 Evidenzia le caratteristiche della tua cucina

Di che materie prime ti servi? Qual è la caratteristica dei tuoi piatti? La tua cucina è green, gluten free, a km 0, tradizionale, fai solo pesce? Insomma, perché dovrebbero scegliere te? Se non lo comunichi hai già sprecato l’80% di possibilità che il tuo ristorante possa essere scelto! Fai parlare di te.

3 Proponi un’esperienza e non un semplice servizio.

Conquista i clienti e convincili a tornare. Fidelizza l’utente e trasformalo in cliente abituale. Proponi qualcosa di nuovo, un’esperienza unica e originale. Un esempio?

A Parigi ha aperto un locale dedicato ai super eroi, il Comics Burger. Qui potrai ordinare un Hulk Burger o un doppio Flash Burger, insomma un vero punto di riferimento per gli amanti dei fumetti e per i food addicted! Questo unconventional fast food si differenzia dalle semplici hamburgerie per le materie prima di alta qualità impiegate. Il tartufo, il fois gras sono solo alcune specialità impiegate per i burger.

4 Trasforma i tuoi clienti in Brand Ambassador.

Sfrutta l’amatissimo trend del #foodporn. Invoglia i tuoi clienti ad essere social e trasformali in user generated content. Comunica il tuo branded hashtag e proponi delle iniziative speciali per ringraziarli: un assaggio particolare, un bicchiere di vino della casa, un piccolo sconto! Il passaparola è garantito, ma occhio alla qualità!

5 Diventa amico del VISUAL STORYTELLING

E’ difficile, ma il visual storytelling è un’arma vincente: racconta attraverso le immagini e i video, il tuo piatto di punta, lancia una promozione speciale, pubblicizza un evento. Insomma accendi la tua creatività, vedrai che verrà sicuramente apprezzata.

6 Inserisci il tuo menù sulla pagina Fb

Fai conoscere in anteprima il tuo menù. Anche se lo cambi di settimana in settimana, non importa! Carica quello aggiornato di volta in volta e soprattutto durante le occasioni speciali, come le festività. I clienti si aspettano la novità, il piatto del giorno, il menù speciale.

7 Individua i protagonisti della tua storia

Punta sui protagonisti del tuo ristorante: lo chef, lo staff, i produttori/fornitori, insomma coinvolgi la “famiglia” e rendi autentica la tua comunicazione.

8 Cura il customer service sui social

Cosa dice di te la gente? I clienti non hanno peli sulla lingua e capiterà di leggere recensione belle e recensioni brutte. Mantieni sempre la calma e rispondi spiegando più dettagli possibili, non essere frettoloso ma presta molta attenzione.

9 Facebood Ads nei periodi meno affollati.

Capita in alcuni periodi dell’anno di avere meno clienti, sfrutta allora le potenzialità delle inserzioni su facebook per raggiungere un pubblico più ampio e perfettamente targettizzato.

10 Sii costante

Non sparire dai social per giorni, settimane, ma vivili quotidianamente con azioni strategiche programmate. E’ importante che tu sia presente e attivo. I clienti o i potenziali clienti si aspettano di trovarti on line anche solo per richiedere semplici informazioni tramite messenger per esempio.

Queste sono 10 mosse altamente consigliate per migliorare la presenza del tuo ristorante sui social media. Come ti ho detto all’inizio, ci sono davvero tantissime cose da fare e queste sono alcune delle cose che potresti mettere in atto per farti valere!

La ristorazione e i social media sono due mondi molto complessi dal cui incontro possono derivare dei benefici, ma anche dei rischi. Non improvvisare ma studia bene la tua strategia e se pensi di non esserne in grado, allora rivolgiti ad un esperto.

Nella sezione servizi potrai scoprire come posso aiutarti nel tuo progetto di business.

Etichettato ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LASCIA UN BEL LIKE ALLA PAGINA FACEBOOK!

Se un'idea non è assurda, allora per quell'idea non c'è speranza!

(A.Einstein)